Caccia russi bombardano la Siria: colpiti otto bersagli dello Stato Islamico

Washington (Usa), 30 set. (LaPresse/Reuters) - Gli Stati Uniti annunciano che la Russia ha cominciato a compiere raid aerei in Siria, nei pressi di Homs. Lo riferisce a Reuters un funzionario Usa, aggiungendo che Mosca aveva avvisato Washington un'ora prima dell'inizio delle operazioni. Finora non sembra che gli attacchi aerei russi in Siria stiano prendendo di mira zone in mano allo Stato islamico: i bombardamenti aerei delle forze siriane con aerei russi hanno colpito le province di Homs e di Hama. A riportarlo la tv di Stato della Siria, citando fonti militari di Damasco.

I bombardieri russi hanno eseguito 20 raid in Siria nella giornata, colpendo otto bersagli del gruppo Stato islamico. Lo ha riferito il ministero della Difesa di Mosca, stando a quanto riportato dalle agenzie di stampa russe. I raid, ha aggiunto il ministero, non hanno colpito aree o infrastrutture civili. "La campagna aerea della Russia contro lo Stato islamico in Siria non verrà estesa all'Iraq" ha detto il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov, aggiungendo che i jet russi non stanno usando lo spazio aereo iracheno che le loro operazioni in Siria.

USA: BOMBARDATI BERSAGLI VICINO AD ALEPPO. Gli Stati Uniti hanno eseguito un bombardamento aereo contro obiettivi dello Stato islamico nelle vicinanze della città di Aleppo, nel nord della Siria. Lo ha riferito una fonte ufficiale statunitense, rimasta anonima, aggiungendo che Washington continuerà le sue operazioni anche se la Russia avvierà le proprie. Prima di iniziare i propri raid in Siria, Mosca aveva chiesto agli Usa di liberare lo spazio aereo.

FRANCIA: RAID NON CONTRO ISIS. I raid di aerei russi in Siria sembrano mirati a sostenere il presidente siriano Bashar Assad colpendo gruppi dell'opposizione e non militanti dello Stato islamico. Lo ha detto una fonte diplomatica francese coperta dall'anonimato.

Richiesta di Assad. L'aumento del sostegno militare della Russia alla Siria è il risultato di una richiesta fatta da Damasco e il presidente siriano Bashar Assad ha scritto una lettera all'omologo russo Vladimir Putin a questo proposito. È quanto dice l'ufficio stampa della presidenza siriana in una dichiarazione rilasciata a Reuters. Oggi il Parlamento russo ha approvato all'unanimità l'autorizzazione a intervenire in Siria richiesta da Putin, mossa che il Cremlino ha detto coinvolgerà solo l'aviazione e non truppe di terra.

Intanto la Russia ha deciso che presenterà una bozza di risoluzione alle Nazioni unite in cui istituirà una cooperazione pratica nelle operazioni contro i terroristi. Sulla Siria il ministro degli Esteri Gentiloni ha parlato di lavoro per coinvolgere la Russia, contro l'Isis e non contro altri obiettivi.



© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata