Burkina Faso, protesta contro presidente: polizia usa gas lacrimogeni

Ouagadougou (Burkina Faso), 28 ott. (LaPresse/AP) - La polizia in Burkina Faso ha usato gas lacrimogeni nella capitale Ouagadougou per disperdere una protesta dell'opposizione, organizzata in vista del voto del Parlamento su un provvedimento che permetterebbe al presidente Blaise Compaoré di candidarsi per un altro mandato. Migliaia di sostenitori dell'opposizione hanno marciato nella capitale inneggiando 'Non abbiamo bisogno di un referndum' e '27 anni bastano', in riferimento al fatto che Compaoré è al potere nel Paese dal 1987. La protesta si era svolta in un clima pacifico, ma ad un certo punti alcuni manifestanti hanno spinto le barricate e hanno minacciato di marciare verso il Parlamento.

Manifestazioni più piccole sono state organizzate anche in altre città. Secondo la legge in vigore attualmente, il presidente non si potrà candidare nuovamente quando l'anno prossimo sarà scaduto il suo mandato. Giovedì il Parlamento voterà sulla proposta di un emendamento alla Costituzione che aumenterebbe il limite di mandati per il presidente del Paese. Se la misura sarà approvata con una maggioranza semplice, allora sarà convocato un referendum sulla questione. Se invece la proposta sarà adottata con una maggioranza dei tre quarti, l'emendamento potrà essere introdotto automaticamente, senza una consultazione popolare. I leader dell'opposizione hanno minacciato di impedire ai deputati di raggiungere l'aula giovedì, inasprendo le tensioni nel Paese.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata