Burkina Faso, almeno 28 morti nell'attacco all'ambasciata francese
Quattro assalitori neutralizzati. La sede diplomatica su Facebook: "Restate dove vi trovate"

Sono almeno 28 le persone uccise nell'attacco contro lo stato maggiore dell'esercito del Burkina Faso a Ouagadougou. Il governo ha affermato che "quattro assalitori sono stati neutralizzati". Un comunicato diffuso dal servizio d'informazione del governo burkinabé ha riferito che "le unità speciali delle forze di difesa e di sicurezza sono impegnate nell'operazione, mentre nessun bilancio è disponibile al momento. 

Testimoni hanno raccontato che cinque uomini armati sono scesi da un'auto e hanno aperto il fuoco sui passanti, prima di dirigersi verso l'ambasciata. Altri hanno riferito di un'esplosione vicino al quartier generale dell'esercito del Burkina Faso e del centro culturale francese, sempre nel centro della città. L'ambasciata ha confermato l'attacco sulla sua pagina Facebook: "Restate dove vi trovate".

Un corrispondente di Afp sul posto riferisce di avere non solo sentito degli spari, ma anche visto un veicolo in fiamme, che secondo dei testimoni sarebbe quello degli assalitori. Dispiegate alcune unità dell'esercito. La sede dell'esercito e dell'istituto francese, dove è stata sentita l'esplosione, si trova a circa un chilometro dal luogo del primo attacco. Negli ultimi anni il Burkina Faso è stato più volte teatro di attacchi jihadisti che prendevano di mira luoghi frequentati da occidentali; inoltre attentati di gruppi jihadisti contro rappresentanti dello Stato sono frequenti nel nord del Paese, al confine con zone instabili del Mali.

Il 13 agosto dell'anno scorso due assalitori aprirono il fuoco in un ristorante lungo la via principale di Ouagadougou, uccidendo 19 persone e ferendone 21. Questo attacco non fu rivendicato. Il 15 gennaio del 2016 invece 30 persone, fra cui sei canadesi e cinque europei, erano stati uccisi in un attacco jihadista contro l'hotel Splendid e il ristorante Cappuccino nel centro della capitale; l'assalto delle forze del Burkina Faso per liberare gli ostaggi era durato circa 12 ore e l'attacco era stato rivendicato da Al-Qaeda del Maghreb islamico (Aqmi).


 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata