Brexit, Juncker: Non rafforza asse Parigi-Roma-Madrid
Il presidente della Commissione Ue: "Nessun danno per Berlino"

Berlino, (Germania), 25 giu. (LaPresse/EFE) - Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, esclude che la Brexit possa rafforzare il potere dell'asse Parino-Roma-Madrid a danno di Berlino. Lo ha affermato in una intervista al quotidiano tedesco Bild, sottolineando che nel nuovo scenario di una Europa senza Regno Unito alla Germania toccherà probabilmente "un incarico ancora più importante". Juncker ha anche ammesso il suo timore dell'eventualità che si crei un effetto domino nell'Ue, in cui altri Stati procedano a consultazioni per chiedere ai cittadini la loro opinione sulla permanenza nell'Ue.

Non si può escludere, ha sottolineato, che "i populisti non si lascino scappare alcuna opportunità di diffondere la loro rumorosa politica antieuropea". Tuttavia, si è detto convinto che la "molestia" del populismo euroscettico non avrà molto futuro, perché "presto" si dimostrerà che "il Regno Unito stava meglio dentro l'Ue, a livello economico, sociale e di politica estera".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata