Brexit, Juncker ai britannici: Rimpiangerete questa decisione
Ufficializzata l'intenzione del Regno Unito di distaccarsi da Bruxelles. La premier: "Nuovo partenariato con l'Unione"

Sulla Brexit, il popolo britannico ha preso una decisione che rimpiangerà. Così il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, parlando a Malta a un forum sul futuro dell'Europa, insieme al premier maltese Joseph Muscat, commenta l'avvio ufficiale dell'iter per la Brexit. 

Oggi infatti è stata consegnata al presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, la lettera che ufficializza l'intenzione del Regno Unito di lasciare l'Unione europea. Lo stesso presidente ha pubblicato su Twitter la foto in cui si vede l'ambasciatore del Regno Unito presso l'Ue, Tim Barrow, che gli consegna la lettera con la notifica di attivazione dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona. "Dopo nove mesi il Regno Unito ha consegnato", ha scritto Tusk, illustrando la foto con la didascalia "la lettera dell'articolo 50".

MAY: UNO SPARTIACQUE. "Questo è un momento storico, da cui non c'è ritorno. Il Regno Unito lascia l'Unione europea, prenderemo le nostre decisioni e scriveremo le nostre leggi, avremo il controllo delle cose che più ci importano" ha sottolineato la premier britannica Theresa May, nel suo intervento alla Camera dei Comuni, a proposito della Brexit. "Vogliamo una Brexit ordinata per arrivare a un partenariato nuovo alla fine del processo dettato dall'articolo 50. Coglieremo l'opportunità di costruire un Regno Unito più forte ed equo, dove fioriranno le nuove generazioni. È un'opportunità e andremo in questa direzione. È uno spartiacque nella nostra storia".

LEGGI ANCHE Brexit, ambasciatrice UK: Vogliamo proteggere italiani ma serve reciprocità

"Ci avviciniamo a questo negoziato con rispetto e spirito di collaborazione sincera", ha proseguito May, aggiungendo che "dobbiamo seguire gli interessi di Bruxelles e di Londra". "E' un compito molto arduo, potremmo guardare altrove oppure guardare con speranza e ottimismo credendo nella forza inarrestabile del carattere del popolo britannico. Credo avremo un futuro roseo" ha poi precisato."Sono convinta che abbiamo un progetto chiaro", ha aggiunto, sottolineando che è "compito di questa generazione forgiare un futuro più roseo per il Paese", "piu coeso e aperto agli altri".

GENTILONI SENTE MAY. Nel frattempo il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha ricevuto la telefonata della premier britannica. Nel corso della conversazione May ha sottolineato l'intenzione di avviare questa fase negoziale con un atteggiamento di cooperazione e di mirare, innanzitutto, al mutuo riconoscimento dei diritti dei cittadini Ue nel Regno Unito e del Regno Unito in Ue. Da parte sua il premier italiano ha ribadito che Italia e Regno Unito restano paesi amici e alleati, ricordando che le linee guida dell'atteggiamento negoziale Ue saranno definite al Consiglio europeo del prossimo 29 aprile.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata