Brennero, Sobotka: Niente muro se l'Italia fa suoi compiti
Oggi attesi al confine 400 manifestanti

 "Se l'Italia fa i suoi compiti, come ha promesso Alfano, non ci sarà bisogno che vengano prese misure al confine" al Brennero e "ci auguriamo che tutti i Paesi mostrino una Europa unita". Lo ha detto stamattina, ai microfoni della Rai, il  ministro degli interni austriaco Wolfgang Sobotka a Merano (Bz) per il congresso della Svp, riferendosi alla questione del muro antimigranti.
 

Circa 400 manifestanti sono attesi oggi pomeriggio al valico del Brennero, fra Italia e Austria, per protestare contro il piano di Vienna che prevede restrizioni all'accesso al passo e l'eventuale costruzione di una recinzione per controllare i movimenti dei migranti. Lo riferisce la polizia del Tirolo, secondo cui la protesta dovrebbe cominciare alle 14.30 e il punto di incontro sarà la stazione di Brennero. L'Austria - riferisce sempre la polizia tirolese - prevede di inviare 300 poliziotti, ma si dice "pronta ad aumentare il numero" e aggiunge che la polizia italiana è pronta a inviare lo stesso numero di agenti.

A Ventimiglia, città al confine con la Francia, è arrivato il ministro dell'Interno, Angelino Alfano per una visita presso il centro di accoglienza per migranti. "Questo centro" di accoglienza "va chiuso. Quest'anno lavoriamo con un obiettivo: non farli arrivare qui al confine o farne arrivare meno controllando la tratta ferroviaria in modo che qui arrivino meno migranti con i treni. Devono capire che da qui alla Francia non arrivano".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata