Brasile, Zuckerberg: Tutti al Parlamento contro blocco WhatsApp
Il servizio è tornato ma su Facebook arriva l'invito a radunarsi a Brasilia

 Il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, ha invitato i brasiliani a radunarsi oggi davanti al Parlamento a Brasilia alle 18 ora locale (le 23 in Italia) per chiedere l'introduzione di una legge che vieti il blocco di servizi internet come WhatsApp. L'invito è giunto tramite un post pubblicato da Zuckerberg sul social network dopo che WhatsApp è stato bloccato in Brasile alle 14 di lunedì (le 19 in Italia) su ordine di un giudice dello Stato di Sergipe, che aveva imposto uno stop di 72 ore; successivamente la sospensione del servizio è stata annullata da un altro giudice, che ha accolto l'ingiunzione degli avvocati della società, e WhatsApp è tornato attivo.

"WhatsApp è tornato online in Brasile" ma "ciò detto, l'idea che a chiunque in Brasile possa essere negata la libertà di comunicare come vogliono è molto preoccupante in una democrazia", ha scritto Zuckerberg. E ha proseguito: "Tu e i tuoi amici potete aiutare a garantire che questo non succeda più". "Se sei brasiliano e sostieni WhatsApp, ti incoraggio a far sentire la tua voce. Il più grande impatto che puoi avere è presentarti davanti al Congresso alle 18. Ci sarà una discussione vivace sull'importanza di collegare le persone".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata