Brasile, Zara paga multa ridotta per schiavitù in fabbriche fornitori

Rio de Janeiro (Brasile), 20 dic. (LaPresse/AP) - La procura del dipartimento del lavoro in Brasile ha raggiunto un accordo con il marchio di abbigliamento spagnolo Zara per ridurre la multa impostale dopo che investigatori hanno accusato l'azienda di schiavizzare i lavoratori. La società ha accettato di pagare una multa di 1,8 milioni di dollari, molto più bassa di quella pari a 10,7 milioni comminatale inizialmente. Il proprietario di Zara, il gruppo Inditex, non ha al momento commentato la notizia. L'accordo iniziale prevedeva che nel futuro la società sarebbe stata ritenuta responsabile per le condizioni dei lavoratori nelle ditte brasiliane da cui si rifornisce. Nel nuovo accordo, invece, le viene chiesto solo di rafforzare i controlli. Il procuratore del dipartimento del Lavoro, Luiz Fabre, ha fatto sapere che le autorità hanno preferito negoziare con Zara piuttosto che affrontare la questione in tribunale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata