Brasile, Temer accusato di aver avallato tangenti
Il presidente avrebbe comprato silenzio dell'ex presidente della Camera

Il presidente del Brasile, Michel Temer, è stato registrato da uno dei proprietari del gigante della carne JBS, Joesley Batista, e dal fratello Wesley, mentre avallerebbe tangenti per comprare il silenzio dell'ex presidente della Camera dei deputati, Eduardo Cunha, in carcere per la vicenda di corruzione per Petrobras. Lo riporta 'O Globo'.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata