Brasile, scontri fra indigeni e polizia davanti al Congresso

San Paolo (Brasile), 16 dic. (LaPresse/AP) - Un gruppo di circa 30 indigeni armati di archi e frecce ha cercato di irrompere nell'aula della Camera dei deputati a Brasilia, ma è stato fermato da poliziotti intervenuti con lo spray al peperoncino. Quattro agenti sono rimasti feriti durante i tafferugli, mentre un altro è rimasto illeso nonostante una freccia abbia colpito la sua scarpa. I manifestanti protestavano contro una proposta di emendamento alla Costituzione che permetterebbe al Congresso di tracciare i confini dei territori indigeni.

Questa autorità spetta attualmente al ministero della Giustizia, con cui le varie tribù stanno negoziando da anni. Gli oppositori della proposta di legge affermano che la misura offrirebbe maggiori poteri ai grandi proprietari terrieri, nonché alle compagnie minerarie e ai produttori di legname che operano nella regione dell'Amazzonia, dove vive la maggior parte degli indigeni. I cittadini brasiliani possono assistere ai dibatti dei parlamentari, ma la polizia ha spiegato di avere impedito agli indigeni di entrare in aula per il timore che i manifestanti avrebbero interrotto i lavori.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata