Brasile, Rousseff vince di misura Paese spaccato, lei promette dialogo

Rio de Janeiro (Brasile), 27 ott. (LaPresse/AP) - "Dialogo". È questa la prima promessa di Dilma Rousseff per il suo secondo mandato alla presidenza del Brasile. Nel discorso della vittoria tenuto nella notte, la rappresentante del Partito dei lavoratori dell'ex presidente Lula ha detto di avere capito le richieste di un governo più efficiente e meno corrotto, emerse nelle massicce proteste di strada dell'anno scorso: "E' per questo che voglio essere una presidente di gran lunga migliore rispetto a quanto lo sono stata finora", ha detto dopo l'annuncio dei risultati ufficiali. Nel ballottaggio di ieri, Rousseff ha ottenuto il 51,6% dei voti battendo lo sfidante di centro-destra Aecio Neves, che si è fermato al 49%. A San Paolo, la città più grande del Brasile, migliaia di sostenitori del Partito dei lavoratori si sono raccolti sulla strada principale per festeggiare la rielezione di Rousseff.

Anche Neves ha tenuto un discorso nella notte. Parlando a Belo Horizonte ha ringraziato "gli oltre 50 milioni di brasiliani" che hanno votato per lui. "Sarò eternamente grato a ognuno che mi ha permesso di sognare di nuovo la costruzione di un nuovo progetto", ha detto. La scelta tra Rousseff e Neves ha spaccato in due il Paese fra chi pensa che solo Dilma possa continuare a tutelare i poveri e fare avanzare l'inclusione sociale e chi è certo che solo delle politiche market-friendly possano far tornare il Brasile verso una solida crescita.

Durante il periodo al potere, con Lula prima e con Rousseff poi, il Partito dei lavoratori ha portato avanti programmi sociali espansivi che hanno aiutato milioni di brasiliani a uscire dalla povertà e a entrare nella classe media. Ma dal 2011 la performance della settima economia più grande al modo è peggiorata, facendo temere ad alcuni che questo possa mettere a rischio le conquiste sociali. "Dilma ha dalla sua parte l'inclusione sociale, ma le politiche macroeconomiche attuate nei suoi primi quattro anni al governo sono state molte deboli", spiega Carlos Pereira, analista politico alla Fondazione Getulio Vargas, un think tank brasiliano. "L'inflazione è tornata, il Paese è in recessione tecnica e la spesa pubblica è fuori controllo. È meno probabile che sarà in grado di offrire inclusione sociale e stabilità macroeconomica allo stesso tempo", aggiunge.

"A volte nella storia del Brasile risultati di stretta misura hanno prodotto un cambiamento più forte e più veloce che vittorie facili. Questa è la mia speranza, o per dire meglio, la mia certezza per il Brasile", ha detto Rousseff nel suo discorso di stanotte. La campagna elettorale di quest'anno è considerata la più acrimoniosa da quando il Brasile è tornato alla democrazia nel 1985, una battaglia fra i soli due partiti che hanno mantenuto la presidenza dal 1995. È stata inoltre segnata da un imprevisto: la morte di Eduardo Campos, principale candidato di opposizione, in un incidente aereo ad agosto. La sua sostituta, l'ambientalista Marina Silva, si è accreditata come principale sfidante di Rousseff, ma al primo turno è stata sorpassata a sorpresa da Neves, che con il 33,6% è passato al ballottaggio contro Rousseff. Neves era stato per due mandati governatore dello Stato di Minas Gerais e nel 2010 aveva lasciato l'incarico con un indice di gradimento al 92%.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata