Brasile, poliziotti Rio interrompono sciopero in vista del Carnevale

Rio de Janeiro (Brasile), 14 feb. (LaPresse/AP) - La polizia di Rio de Janeiro ha terminato lo sciopero iniziato giovedì scorso in vista del Carnevale, che comincia ufficialmente venerdì. La decisione è arrivata due giorni dopo che una protesta analoga era stata interrotta dagli agenti dello Stato nordorientale di Bahia. "Non vogliamo danneggiare la nostra Rio, soprattutto durante il Carnevale", ha spiegato Fernando Bandeira, presidente di Sinpol, uno dei sindacati che rappresentano i poliziotti, aggiungendo però che lo sciopero riprenderà quando saranno finiti i festeggiamenti. "Ci hanno offerto delle briciole che non si avvicinano nemmeno a quello che avevamo chiesto", ha affermato Bandeira. Dopo il Carnevale riprenderemo i colloqui e rinnoveremo le nostre richieste". La protesta dei poliziotti e dei vigili del fuoco è iniziata dopo che il Parlamento dello Stato ha votato per scaglionare quest'anno e l'anno prossimo il pagamento dell'aumento del 39% promesso agli agenti. Lo sciopero non ha tuttavia peggiorato la situazione di sicurezza nella città, contrariamente a quanto avvenuto nello Stato di Bahia, nella cui capitale Salvador il tasso di omicidi è raddoppiato durante la protesta dei poliziotti. Qui durante i 12 giorni di protesta ci sono stati 130 omicidi.

Il governo non ha al momento offerto concessioni agli agenti. Attualmente lo stipendio base per poliziotti nello Stato di Rio è di 964 dollari al mese, ma può raggiungere 1.169 dollari. L'aumento del 39% sarà applicato soltanto a partire dall'anno prossimo. Decine di poliziotti e leader sindacali sono stati arrestati durante lo sciopero e Bandeira ha spiegato che ottenere il loro rilascio è attualmente la priorità dei sindacati. Secondo le autorità la polizia in Brasile non ha il diritto di scioperare, ma la questione è ora oggetto di dibattito giudiziario nel Paese. Gli scioperi hanno fatto sorgere dei dubbi sulla capacità del Brasile di garantire la sicurezza durante i mondiali di calcio del 2014 e delle Olimpiadi del 2016.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata