Brasile, branco stupra una 16enne e pubblica il video online
Sui social le riprese della violenza: la giovane appare sanguinante e priva di sensi

Una adolescente di 16 anni è stata stuprata da un gruppo di più di 30 uomini in una favela di Rio de Janeiro. Lo stupro collettivo è stato poi postato sui social network con un video molto esplicito dove la giovane appare nuda e priva di sensi, sanguinante. L'hashtag #EstuproNaoÉCulpaDaVitima (Lo stupro non è colpa della vittima) ha inondato Twitter nelle ultime 24 ore a simbolo dell'indignazione di migliaia di utenti in rete dopo la diffusione della notizia.
 

L a polizia ha già individuato quattro persone per la loro partecipazione "diretta o indiretta" allo stupro e "valuterà" eventuali ordini di carcerazione, che non sono ancora stati emessi. Michel Temer, presidente ad interim che si è insediato lo scorso 12 maggio, ha respinto "con la più assoluta veemenza" la violenza sessuale di cui è stata vittima la giovane donna e ha definito "assurdo" che "nel XXI secolo si debba vivere ancora con crimini barbari di questo genere". "Prenderemo misure efficaci per combattere la violenza contro le donne".

La ragazza ha raccontato alla polizia che durante le prime ore di sabato si era recata nella favela nella parte occidentale del Rio per incontrare un ragazzo con il quale aveva una relazione. L'adolescente è rimasta sola con lui per qualche ora e poi ha raccontato di essersi svegliata dopo aver perso conoscenza, la domenica successiva. Al suo risveglio era nuda, drogata e circondata da 33 uomini armati di fucili e pistole.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata