Brasile, assassinato frate francescano a capo casa editrice Vozes
A sparare contro Antonio Moser, 75 anni, sono stati due uomini a bordo di una motocicletta

È stato assassinato a colpi d'arma da fuoco alle porte di Rio de Janeiro il frate francescano Antonio Moser, presidente della casa editrice brasiliana cattolica Vozes. Lo riferiscono i suoi collaboratori spiegando che il religioso è stato ucciso mentre guidava la sua auto. A sparare contro Moser, 75 anni, sono stati due uomini a bordo di una motocicletta, che sembra volessero rubare l'auto e sono fuggiti senza essere identificati. 

Moser è stato intercettato a Duque de Caxias, Comune dell'area metropolitana di Rio de Janeiro, poco tempo dopo essere uscito da Petropolis, città vicina in cui abitava e in cui ha la sede la casa editrice Vozes. Il sindaco di Petropolis, Ruban Bomtempo, ha dichiarato tre giorni di lutto cittadino in suo onore.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata