Brasile, 245 morti in incendio discoteca, 200 feriti

Porto Alegre (Brasile), 27 gen. (LaPresse) - E' di 245 morti il bilancio dell'incendio al nightclub 'Kiss' nel centro di Santa Maria, città del Brasile meridionale. Lo riferiscono i vigili del fuoco e la polizia. Duecento persone sono rimaste ferite e sono state trasportate negli ospedali più vicini. Molte di loro sono state intossicate dal fumo mentre assistevano allo spettacolo. Otto di loro sono in condizioni gravi. I testimoni hanno raccontato che a provocare l'incendio è stato lo spettacolo pirotecnico che introduceva una band. A prendere velocemente fuoco è stato il materiale fonoassorbente del locale. La maggior parte delle vittime è rimasta uccisa dall'intossicazione causata dal fumo. Un buttafuori del locale ha spiegato che alla discoteca 'Kiss' c'erano tra le 1.000 e le 2.000 persone. Il comandante generale dei vigili del fuoco, il colonnello Guido de Melo, ha dichiarato che "non è ancora possibile quantificare il numero esatto delle vittime, la maggior parte di loro è morta per asfissia, ma alcuni sono stati calpestati dalla folla che fuggiva presa dal panico; il polistirolo genera un fumo troppo tossico". Il governatore dello Stato, Tarso Genro, ha confermato che sarà a Santa Maria scrivendo su Twitter. "Siamo tristi", ha detto. Il dipartimento della polizia ha spiegato che l'incendio è iniziato alle 2,30 ora locale. L'edificio è stato distrutto ed è a rischio crollo. Secondo il quotidiano 'Diario de Santa Maria' il 'Boate Kiss' disponeva di un'unica uscita di emergenza e i vigili del fuoco hanno dovuto aprire un buco nel muro esterno per permettere a più persone di mettersi in salvo. Santa Maria è un centro universitario ed è possibile che tra i morti ci siano decine di giovani. Secondo radio CBN, Dilma Rousseff, che è in visita ufficiale in Cile, è stata informata della tragedia e la Federcalcio brasiliana (FGF) ha annullato il turno di campionato. I vigili del fuoco hanno dichiarato che i corpi delle vittime sono stati trasportati con due camion in una palestra, che è stata isolata dai militari per evitare l'assalto di parenti e amici.

Le altre stragi degli ultimi anni L'incendio della discoteca 'Kiss' di Santa Maria, nel sud del Brasile, non è il solo incidente del genere capitato in un locale notturno negli ultimi anni. In un club di Luoyang, in Cina, il 25 dicembre 2000 un rogo partito da un'operazione di saldatura causò la morte di 309 persone. Almeno 194 persone morirono in un nightclub sovraffollato frequentato da operai nel 2004 a Buenos Aires, in Argentina. Il 5 dicembre del 2009 un serie di fuochi d'artificio fecero bruciare il soffitto in plastica decorato con rami della discoteca 'Lame Horse' a Perm, in Russia, uccidendo 152 persone. Un incendio scoppiato in un nightclub statunitense nello stato del Rhode Island, nel 2003, uccise 100 persone. Come nel caso del 'Kiss', un gruppo rock aveva eseguito un gioco con fuochi d'artificio che aveva fatto bruciare il materiale alle pareti per l'insonorizzazione del locale. Ad esibirsi fu il gruppo rock anni '80 Great White.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata