Bosnia, vincono nazionalisti: presidenza a Izetbegovic, Covic e Dodik

Sarajevo (Bosnia-Erzegovina), 13 ott. (LaPresse/AP) - I risultati preliminari presentati dai funzionari elettorali indicano che i partiti che hanno governato la Bosnia nel corso degli ultimi quattro anni, segnati dalla stagnazione economica e dal disagio sociale, sono stati puniti dagli elettori, nella settima consultazione elettorale dalla fine della guerra. I risultati delle elezioni di ieri, con quasi l'80% delle schede scrutinate, indicano che nonostante siano preoccupati per un tasso di disoccupazione fisso al 44%, i bosniaci rimangono bloccati nelle divisioni nazionaliste create dall'accordo di pace di Dayton. Tutti e tre i gruppi in Bosnia (bosniaci, croati e serbi) tendono a votare lungo linee settarie. Vittoria dunque ai nazionalisti.

Il Partito d'azione democratica (Sda, musulmano) ha ottenuto il maggior numero di voti sia per i deputati al parlamento centrale che vengono eletti nella Federazione Bh (a maggioranza croato musulmana) sia per il parlamento dell'entità. I croati in Bosnia sono rimasti fedeli al loro partito nazionalista, l'Unione Democratica Croata. I serbi sembrano equamente divisi tra due opzioni nazionaliste: il partito di Milorad Dodik, la Lega dei socialdemocratici indipendenti (Snsd), presidente uscente e rieletto della Republika Srpska (Rs, entità a maggioranza serba), e gli avversari più miti della coalizione guidata dal Partito democratico serbo, che è stato istituito dal leader durante la guerra serba, Radovan Karadzic (ora sotto processo davanti a un tribunale di crimini di guerra delle Nazioni Unite).

Bakir Izetbegovic, il leader non ufficiale del Partito di Azione Democratica, continuerà ad occupare la sede della presidenza bosniaca: il suo partito ha vinto più seggi nel Parlamento dello Stato, guidato prima dai socialdemocratici. Dragan Covic da parte dell'Unione Democratica Croata, che cerca di dividere la federazione bosniaca e croata, è molto più avanti nella corsa per il seggio croato della presidenza e il suo partito ha mantenuto i suoi seggi in parlamento. Il partito al governo serbo con Milorad Dodik sembra aver perso la presenza di un leader dell'opposizione serba, Mladen Ivanic, ma rimane il più forte partito unico nel parlamento della regione serba. Tuttavia, un'opposizione unita poteva togliere quel dominio. Dodik, che aveva il potere quasi assoluto come presidente della sua regione serba, era di soli 11mila voti davanti all'avversario, con il 15% in più dei voti. Dodik ha basato la sua campagna sulle promesse di una secessione serba e sul sostegno russo, mentre i suoi avversari si sono concentrati sull'economia da risanare e sulla povertà.

Per più di due decenni, i tre gruppi bosniaci hanno discusso sull'assetto del Paese e la diatriba continua anche ora sul fatto se il territorio debba essere diviso tra i tre gruppi o rimanere unificata e mischiata. La guerra tra il 1992-95 si è conclusa con un compromesso che ha diviso il Paese in due regioni di auto-governo: una per i serbi, l'altro condivisa tra bosniaci e croati. Quest'ultima è ulteriormente divisa in 10 cantoni. Il tutto è legato insieme da un governo centrale. In questo complesso assetto politico, i bosniaci hanno votato oggi per una presidenza di Stato di tre membri e un Parlamento. Gli elettori della metà serba hanno votato per un presidente e un parlamento della Republika Srpska. Gli elettori nella metà croato-bosniaca hanno scelto i deputati per il loro parlamento regionale e per i parlamenti dei loro 10 cantoni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata