Boeing caduto in Etiopia, non fu errore umano

Il Boeing 737 della Ethiopian Airlines, precipitato lo scorso 10 marzo nei pressi di Addis Abeba, cadde "per un difetto di software e non per un errore umano". Lo rivela il rapporto preliminare sull'incidente, anticipato dalla ministra dei Trasporti etiope, che scagiona i piloti. "L'equipaggio ha seguito tutte le procedure stabilite dal costruttore, ma non è stato in grado di riprendere il controllo del velivolo", spiegano da Addis Abeba. Nello schianto morirono 157 persone, tra cui otto italiani. Nell'ottobre scorso un altro Boeing 737 Max 8 è caduto in Indonesia, con modalità simili. Dopo il disastro in Etiopia la compagnia ha lasciato a terra l'intera flotta di questo modello.