Birmania, polizia riporta calma dopo scontri a Meikhtila

Meikhtila (Birmania), 23 mar. (LaPresse/AP) - L'esercito della Birmania ha preso il controllo della centrale città di Meikhtila, imponendo una calma tesa dopo diversi giorni di scontri tra buddisti e musulmani che hanno lasciato pile di cadaveri per le strade e gli edifici in fiamme, nel peggiore spargimento di sangue per ragioni religiose che quest'anno abbia colpito la nazione del sud-est asiatico. Mancano cifre ufficiali, ma si contano cinque moschee distrutte e un uomo d'affari locale ha riferito di aver contato 28 corpi, tutti di uomini.

Non è ancora chiaro da che parte siano state subite le peggiori perdite di questi ultimi scontri, ma migliaia di musulmani terrorizzati, che sono circa il 30% dei 100mila abitanti di Meikhtila, ieri sono rimasti per strada mentre i loro negozi e case venivano bruciati; nel frattempo residenti e monaci buddisti furenti cercavano di fermare i vigili del fuoco dal domare le fiamme, mentre la polizia anti sommossa sequestrava in tutta la città machete e martelli da gruppi violenti.

Camion carichi di soldati hanno iniziato a pattugliare Meikhtila e hanno assunto posizione in corrispondenza delle intersezioni e delle banche, mentre le autorità consegnavano cibo e acqua per migliaia di sfollati musulmani. Alcuni residenti, che si sono rifugiati nelle case per giorni da quando è esploso il caos mercoledì, sono emersi dalle loro abitazioni. Il presidente Thein Sein, ex generale che ha promesso di portare la democrazia in Birmania dopo mezzo secolo di governo militare, ha imposto ieri lo stato di emergenza nella regione per fermare la diffusione di violenza.

L'agitazione è la prima di questo genere da quando l'anno scorso due simili eventi di sangue hanno scosso lo stato occidentale di Rakhine, e la sua propagazione mette in luce il fallimento del governo a governare nel sentimento anti-musulmano in un paese a maggioranza buddista, dove anche i monaci hanno inscenato raduni anti-musulmani e hanno invitato i loro sostenitori a cacciare gli avversari con le armi.

"È stata riportata la calma dopo che le truppe hanno preso in carico la sicurezza - ha detto Win Htein, deputato locale del partito di opposizione Lega nazionale per la democrazia - finora quasi 6mila musulmani sono stati trasferiti in uno stadio e in una stazione di polizia per la loro sicurezza".

Sembra che sia rimasto poco dei quartieri alberati distrutti, dove interi appezzamenti sono stati ridotti a masse di detriti fumanti e cenere. I musulmani sono stati scortati dalla polizia in campi di fortuna, ed alcuni buddisti si sono rifugiati in monasteri locali. I residenti hanno detto che soccorritori e volontari sono arrivati da altre città per aiutare e i buddisti locali hanno distribuito acqua e cibo ai musulmani sfollati.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata