Baby kamikaze Kirkuk: Mio fratello si è fatto esplodere
Il 12enne era stato fermato da polizia mentre indossava cintura esplosiva

Ancora un caso di giovani kamikaze pronti a seminare panico e a 'punire gli infedeli'. Il 12enne fermato dalla polizia a Kirkuk mentre indossava una cintura esplosiva ha raccontato che suo fratello si era fatto esplodere poco prima. Secondo quanto riferisce la testata curda Rudaw, l'aspirante kamikaze ha detto che lui e il fratello, anche questo molto giovane, erano stati addestrati e mandati in missione dal padre.

LEGGI ANCHE Isis e la guerra dei bambini: sempre più 'cuccioli del califfato'

Ieri i media avevano riferito che il bambino aveva raccontato di essere stato rapito dallo Stato islamico e costretto ad intraprendere l'azione suicida. Citando la polizia, Rudaw riporta che il 12enne ha detto di essere un rifugiato proveniente da Mossul.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata