Austria, Mitterlehner: Non vi è motivo per elezioni anticipate
Mitterlehner spera che l'uscita di Faymann dal governo e della direzione del partito non influenzi la politica sui rifugiati

Il leader del partito Popolare austriaco, Reinhold Mitterlehner, nuovo cancelliere ad interim, ha assicurato che non vi è motivo di indire elezioni anticipate nonostante le dimissioni da capo del Governo e da presidente del partito Socialdemocratico del cancelliere Werner Faymann. Mitterlehner ha deciso di mantenere la stabilità nella grande coalizione di governo formata dai due partiti dal 2013 ribadendo che non vi è motivo di anticipare le elezioni, previste per il 2018. Il conservatore, attuale vicecancelliere, assumerà oggi l'incarico ad interim di capo del Governo per mano del presidente della Repubblica, Heinz Fischer.

Mitterlehner spera che l'uscita di Faymann dal governo e della direzione del partito non influenzi la politica sui rifugiati che il governo sta perseguendo da mesi e che include controlli alle frontiere e irrigidimento dei criteri di asilo e di immigrazione. Il partito popolare austriaco terrà domani una riunione per analizzare le conseguenze delle dimissioni di Faymann. Nel frattempo, Michael Häupl, sindaco di Vienna e storico leader socialdemocratico, assumerà in modo transitorio la leadership del partito in attesa della decisione sul sostituto di Faymann.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata