Australia, arcivescovo Wilson colpevole: coprì abusi sessuali negli anni '70
Si tratta del più alto prelato al mondo ad essere stato perseguito con successo per questo reato

L'arcivescovo australiano Philip Wilson è stato riconosciuto colpevole di aver coperto abusi sessuali su minori negli anni '70. Si tratta del più alto prelato al mondo ad essere stato perseguito con successo per questo reato. Wilson è accusato di aver coperto gli abusi e del prete Jim Fletcher, nella Regione di Hunter, nel New South Wales, omettendo di denunciare la accuse che erano arrivate nei suoi confronti.

L'arcivescovo ha sempre respinto le accuse e la sua difesa  ha provato più volte a bloccare il processo a causa dell'Alzheimer di cui soffre. Il giudice Robert Stone lo  ha però riconosciuto colpevole e ora Wilson rischia fino a due anni di carcere.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata