Attacco Istanbul: almeno un kamikaze è straniero, 42 le vittime
Salito il bilancio dei morti nell'attentato che ha devastato l'aeroporto Ataturk

Almeno uno dei tre sospetti attentatori suicidi che si sono fatti esplodere all'aeroporto internazionale di Istanbul è straniero. A riferirlo è stata una fonte della sicurezza turca a Reuters. "È probabile - ha spiegato - che almeno uno sia straniero".

Intanto continua a salire il bilancio delle vittime dell'attacco: una donna che era rimasta ferita è deceduta portando il numero a 42.

Tra le vittime accertate 23 sono di nazionalità turca, 13 sono invece stranieri. Tra questi ci sarebbero un cittadino ucraino e uno iraniano, secondo quanto hanno comunicato in precedenza dai rispettivi Paesi. Stando alle ultime informazioni fornite da fonti ufficiali turche, inoltre, tra i morti si contano cinque cittadini sauditi, due iracheni, un cinese, un giordano, un tunisino, un uzbeko.

L'attacco al terzo aeroporto più trafficato d'Europa è stato uno dei più letali di una serie di attentati suicidi in Turchia, che fa parte della coalizione guidata dagli Stati Uniti contro lo Stato islamico.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata