Attacco a resort a Hurghada in Egitto: 2 turiste uccise e 4 ferite
Arrestato l'assalitore, attacco analogo il 9 gennaio dello scorso anno

Un egiziano ha pugnalato due turiste tedesche a morte e ferito quattro altre straniere, due ceche e due armene, in un resort sul mare, in Egitto. L'uomo ha colpito all'hotel Zahabia di Hurghada, affacciato sul Mar Rosso, e poi è andato a nuoto in una spiaggia vicina per attaccare almeno altre due persone nel villaggio Sunny Days El Palacio prima dell'arresto. "Aveva un coltello con lui e ha pugnalato ognuno di loro tre volte nel petto, sono morti sulla spiaggia", ha detto il responsabile della sicurezza dell'hotel El Palacio, Saud Abdelaziz, a Reuters. "Ha saltato un muro tra gli alberghi e ha nuotato verso l'altra spiaggia". Abdelaziz ha dichiarato che due delle ferite sono ceche e due armene, ricoverate in un ospedale locale. Il ministero degli Esteri ceco ha twittato che una donna ceca ha subito un infortunio leggero alla gamba.

Il motivo dell'attacco è ancora sotto inchiesta, ha dichiarato il ministero degli Interni. L'Egitto sta combattendo gli insorti islamici nella penisola del Sinai, dove gli obiettivi sono soprattutto le forze di sicurezza ma i militanti hanno anche attaccato gli obiettivi turistici, nonché i cristiani e le chiese copte. Hurghada, circa 400 km a Sud della capitale Il Cairo, è una delle località di vacanza più popolari dell'Egitto, sul Mar Rosso.

C'è un precedente. Nel gennaio del 2016, due aggressori armati di pistola, un coltello e una cintura kamikaze sono sbarcati sulla spiaggia di un hotel a Hurghada, ferendo due turisti stranieri.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata