Atlanta: violenti scontri alla Georgia Tech
Violenti scontri sono scoppiati alla Georgia Tech di Atlanta – uno dei più importanti centri di ricerca tecnologica negli Stati Uniti – in seguito a una protesta degli studenti per l’uccisione da parte della polizia di Scout Schultz, 21 anni, studente e attivista per il movimento LGBT. Diverse persone sono state arrestate. Schultz, che secondo il racconto della madre soffriva di depressione, era armato di coltello. Gli agenti lo hanno tenuto sotto tiro, ma quando il giovane si è avvicinato a un agente, è stato colpito a morte.