Arabia Saudita, giustiziati 47 terroristi di al-Qaeda: anche imam al-Nimr. Rabbia del mondo sciita

Riad (Arabia Saudita), 2 gen. (LaPresse) - L'Arabia Saudita ha giustiziato un eminente religioso musulmano sciita e decine di membri di al-Qaeda ricordando al mondo che non tollererà attacchi sia da parte dei jihadisti sunniti sia dalla minoranza sciiti, suscitando così la rabbia settaria in tutta la regione.
Quattro sciiti, tra cui l'imam Nimr al-Nimr, erano stati condannati con l'accusa di coinvolgimento in attacchi contro poliziotti, e per questo sono stati uccisi. Ma gli altri 43 giustiziati, in quella che è diventata la più grande esecuzione di massa del regno saudita da decenni, sono sunniti legati ad al-Qaeda, condannati per attentati terroristici compiuti in Arabia Saudita tra il 2003 e il 2006.

L'imam al Nimr era molto noto nella regione orientale saudita di al-Qatif, a maggioranza sciita. Il religioso è stato arrestato nel luglio 2012 per aver sostenuto l'agitazione di gruppi terroristici contro le autorità saudite della città. La sua condanna a morte è stata confermata lo scorso ottobre dalla Corte di Cassazione, che lo ha accusato di aver disobbedito alle autorità e di incitamento alla violenza settaria. Sentenza che già allora aveva sollevato critiche della comunità sciita che ha fermamente ribadito il ruolo del religioso come dissidente pacifico, che sosteneva "solo con le parole" i diritti della minoranza sciita del regno.

Le reazioni di oggi da parte di gruppi sciiti e dei leader di paesi come Iran, Bahrain, Libano e Iraq, hanno aggravato le già crescenti tensioni settarie nella regione.
Dal canto suo l'Arabia Saudita ha difeso le esecuzioni, assicurando che tutti i condannati sono stati sottoposti a un processo equo.
Il portavoce del ministero degli Interni, Mansur al-Turki, ha fatto sapere in una conferenza stampa che "le autorità si sono assicurati dell'identità di tutti i detenuti prima di eseguire le sentenze di condanna". Le esecuzioni sono avvenute in dodici aree distinte del Paese: in otto i condannati sono stati decapitati e in altre quattro fucilati, secondo le disposizioni dei diversi giudici.
Per quanto riguarda la morte dell'imam al-Nimr, il portavoce al-Turki ha precisato che "le sentenze del regno saudita vengono applicate a prescindere dalla persona" e ha sottolineato che le autorità continueranno a perseguire coloro che commettono atti terroristici.


LE PROTESTE - Decine di sciiti hanno manifestato nel distretto di Qatif, provincia orientale dell'Arabia Saudita, contro l'esecuzione dell'imam. I manifestanti hanno intonato "giù con Al Saud", il nome della famiglia reale saudita, mentre marciavano dalla casa di al-Nimr nel villaggio di al-Awamiya alla città principale della regione, Qatif.

Il principale rivale regionale di Riad, l'Iran, ha immediatamente reagito condannando fortemente l'esecuzione dell'imam e minacciando l'Arabia Saudita di ripercussioni gravi. "Riad pagherà a caro prezzo l'esecuzione dell'iman sciita", ha infatti fatto sapere il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Hossein Ansari Jaber, ricordando che "il governo saudita sostiene i terroristi e i takfiri (sunniti radicali) eseguendo condanne a morte e sopprimendo l'opposizione all'interno del Paese". Il governo iraniano ha poi convocato l'incaricato d'affari dell'Arabia Saudita a Teheran per protestare contro la decisione saudita.
Nella città santa iraniana di Qom alcuni studenti delle scuole coraniche sono scesi in piazza, tenendo in mano la foro del leader religioso, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa Mehr. Alcuni manifestanti indossavano vesti e turbanti del clero musulmano sciita iraniano.
Anche l'ayatollah Ali Khamenei si è unito al coro di condanne ricordando, in un messaggio su Twitter che "il Risveglio (islamico, ndr) è insopprimibile". Sul sito del leader iraniano si mettono inoltre a confronto l'Arabia Saudita con lo Stato Islamico, suggerendo che entrambi giustiziano i loro oppositori.

In Bahrein, La polizia ha dovuto sparare gas lacrimogeni per disperdere le decine di persone che stavano protestando nel villaggio sciita di Abu-Saiba, a ovest della capitale Manama.

In Libano, il gruppo sciita Hezbollah ha condannato l'esecuzione dell'imam definendola un "omicidio".
La "vera ragione" dell'esecuzione è stata "che lo sceicco Nimr ha chiesto i diritti per un popolo oppresso", ha fatto sapere Hezbollah in una nota, riferendosi alla minoranza sciita in Arabia Saudita.

In India, centinaia di sciiti hanno manifestato nella provincia settentrionale a maggioranza musulmana del Kashmir, dove l'organizzatore della protesta ha ribadito che le accuse contro al-Nimr erano "infondate".

In Iraq, il primo ministro Haider al-Abadi ha avvertito in un messaggio su Facebook di possibili ripercussioni sull'intera regione dopo l'esecuzione di oggi. "La violazione dei diritti umani porta sempre a ripercussioni sulla sicurezza, la stabilità e il tessuto sociale dei popoli della regione", ha scritto Abadi.

Anche i leader sciiti in Iraq, Kuwait, Libano e Yemen hanno avvertito di possibili rappresaglie, confermando il segnale che i conflitti settari in tutto il Medioriente potrebbero subire un'ulteriore impennata.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata