Ancora molestie sessuali a Rio2016: arrestato pugile Namibia
Fermato con la stessa accusa il pugile marocchino Hassan Saada

Un altro pugile olimpico è stato arrestato a Rio de Janeiro con l'accusa di molestie sessuali. La polizia brasiliana ha fatto sapere di aver arrestato il 22enne Jonas Junius, categoria medi leggeri della Namibia, dopo che una cameriera del Villaggio olimpico ha denunciato le molestie sessuali, che nel codice penale del Brasile ammontano a stupro.

LEGGI ANCHE Rio2016, molesta 2 cameriere: arrestato pugile Marocco

La donna ha raccontato che l'atleta l'ha afferrata e trattenuta, l'ha baciata e le ha offerto denaro in cambio di prestazioni sessuali, ha riferito O Globo. Lo sportivo è così escluso dalle gare olimpiche. Prima di lui, venerdì scorso era stato arrestato il pugile marocchino Hassan Saada, 22 anni, accusato di molestie sessuali da due cameriere che pulivano la sua camera nel Villaggio nella Barra da Tijuca. E' tuttora in cella a Bangu, escluso dai Giochi.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata