Allarme Seul: "Nord Corea ha spostato missile verso costa"
Si teme un nuovo lancio. Gli Usa accusano: "Kim implora la guerra". Cina: "Regime smetta azioni sbagliate"

La Corea del Sud teme, nonostante l'indignazione internazionale, nuove provocazioni da parte di Pyongyang dopo il sesto e più grande test nucleare effettuato nei giorni scorsi. L'agenzia Asia Business Daily, citando fonti anonime, ha riferito che la Corea del Nord avrebbe spostato verso la sua costa occidentale un missile balistico intercontinentale. Il ministero della Difesa di Seul, ieri, ha dichiarato che Pyongyang sarebbe pronta a lanciare un missile intercontinentale in qualsiasi momento. Kim Jong-un ha lanciato già in luglio due Icbm, missili balistici intercontinentali,capaci di volare oltre 10mila chilometri, innescando un nuovo ciclo di sanzioni contro Pyongyang.  Intanto, Seul ha deciso di rafforzare il deterrente militare grazie all’accordo con gli Stati Uniti sulla rimozione del limite di carico alle testate per i suoi missili.

USA: KIM IMPLORA GUERRA. "Quando è troppo è troppo", "dobbiamo adottare le più dure misure possibili" nei confronti della Corea del Nord. Non ha usato mezzi termini l'ambasciatrice degli Stati Uniti alle Nazioni unite, Nikki Haley, parlando alla riunione d'emergenza del Consiglio di sicurezza dopo il sesto test nucleare di Pyongyang. "Nonostante gli sforzi" fatti negli ultimi decenni, "il programma nucleare" nordcoreano "è più avanzato e pericoloso che mai". Il nostro approccio, ha proseguito Haley, "non ha funzionato", "abbiamo fatto molti colloqui" ma "non ha mai funzionato, il tempo per le mezze misure è finito".  

Le azioni del regime della Corea del Nord mostrano che "sta implorando la guerra", "la nostra pazienza non è infinita". Poi l'attacco agli Stati 'complici'. "La crisi va ben oltre le Nazioni unite, gli Stati Uniti guarderanno a tutti i Paesi che fanno affari con la Corea del Nord come a Paesi che sostengono il suo programma nucleare".  

CINA E RUSSIA. E durante la riunione anche la Cina si è fatta sentire. La Corea del Nord "deve smettere di agire in modo sbagliato, deteriorando la situazione, non in linea con i suoi interessi", ha dichiarato l'inviato della Cina alle Nazioni unite. "Non consentiremo mai il caos e la guerra nella penisola coreana".

"L'isteria militare sulle attività della Corea del Nord potrebbe portare a una "catastrofe globale". Lo ha dichiarato il presidente russo, Vladimir Putin, parlando in Cina.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata