Al via il processo a Pistorius lui si dichiara non colpevole

Pretoria (Sudafrica), 3 mar. (LaPresse/AP) - Al via il processo a Oscar Pistorius per l'omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp, uccisa l'anno scorso il giorno di San Valentino. L'atleta è arrivato in tribunale a Pretoria. Prima di lui era entrata la madre della ragazza, June Steenkamp. Pistorius indossa un abito grigio scuro e una cravatta nera. Entrando è passato accanto alla madre di Reeva, che è vestita di nero; poi si è seduto e ha bevuto dell'acqua. Il campione paralimpico, 27 anni, è accusato di omicidio premeditato. Secondo l'accusa, l'atleta litigò con la fidanzata Reeva Steenkamp la notte fra il 13 e il 14 febbraio 2013 e la uccise a colpi di pistola mentre la donna si trovava in bagno. Pistorius afferma invece di avere aperto il fuoco pensando che nella toilette, la cui porta era chiusa, ci fosse un ladro. È la prima volta che un membro della famiglia della vittima partecipa a un'udienza del caso in tribunale.

In aula Pistorius si è dichiarato non colpevole di tutte le accuse a suo carico, compresa quella dell'omicidio di Reeva.In caso di condanna per omicidio, Pistorius rischia dunque almeno 25 anni, che in base alla legge sudafricana è il minimo del tempo che un condannato all'ergastolo debba trascorrere in carcere prima di avere la possibilità della libertà condizionale. L'atleta potrebbe però ottenere una pena più bassa se venisse dichiarato colpevole di omicidio, ma senza premeditazione.



Pistorius affronta inoltre l'accusa di possesso illegale di munizioni, perché nella sua casa di Pretoria furono trovati dei proiettili per i quali non sembra avesse una licenza in regola; e le due accuse per uso di armi da fuoco in un luogo pubblico sono dovute a due episodi separati avvenuti prima dell'omicidio di Steenkamp: in un caso lo sportivo avrebbe sparato dal tettuccio apribile di un'auto e nell'altro avrebbe aperto il fuoco con una pistola dentro un ristorante, apparentemente per errore. A decidere sull'innocenza o sulla colpevolezza di Pistorius e a stabilire la condanna sarà la giudice Thokozile Masipa, che sta gestendo il caso più importante della sua carriera.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata