Afghanistan, nuovo leader dei talebani: No a colloqui di pace
Diffuso un audio, ma il portavoce del gruppo islamista ne smentisce l'autenticità

Il nuovo nominato leader dei talebani, Haibatullah Akhundzada, ha annunciato che il movimento non tornerà ai colloqui di pace con il governo, in una registrazione audio fornita dal portavoce del gruppo. "Non entreremo in alcun tipo di colloqui di pace", afferma la voce, identificata come quella del successore del mullah Mansour, ucciso in un raid coi droni dagli Stati Uniti. Akhunzada lo scorso anno era stato descritto dalle Nazioni unite come l'ex capo della Giustizia dei talebani. Sarebbe un rispettato studioso di religione, ma poco si sa della sua biografia. Sirajuddin Haqqani, capo della rete ritenuta responsabile di molti attacchi a Kabul negli ultimi anni, e il mullah Mohammad Yaqoob, figlio dell'ex capo e fondatore del movimento talebano mullah Mohammad Omar, saranno i vice del nuovo leader. +

Il portavoce ufficiale dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha però negato di aver diffuso l'audio con le dichiarazioni di Akhundzada e ha smentito che la voce appartenga a lui. L'audio è stato fornito da due comandanti del movimento, che si erano fatti così portavoce del messaggio, spiega una nota ufficiale. Uno dei due aveva detto di averla ricevuta direttamente dal portavoce Zabihullah Mujahid. Raggiunto via telefono, il portavoce ha dichiarato che sarà aperta un'indagine per capire chi abbia diffuso l'audio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata