Afghanistan, kamikaze contro scuola in zona sciita: almeno 37 morti
Sono per la maggior parte studenti. Nessun gruppo ha rivendicato la violenza

È salito ad almeno 37, in maggioranza studenti, il numero dei morti in un'esplosione suicida in una scuola, in una zona sciita di Kabul. Lo hanno fatto sapere fonti ufficiali, aggiungendo che i feriti sono più di 40. L'attentato ha colpito il centro educativo Mawoud nella parte occidentale della capitale afghana, mentre nella struttura si trovavano molti studenti che si preparavano per l'università.

Secondo un portavoce della polizia, a commettere l'attentato è stato un kamikaze che aveva esplosivi sul corpo. Secondo le autorità il numero delle vittime potrebbe salire ulteriormente, mentre altre fonti hanno parlato di 48 morti.

Non è chiaro quanto studenti si trovassero nel centro al momento dell'attentato, un testimone ha parlato di oltre cento ma le autorità non hanno confermato la stima. Nessun gruppo ha rivendicato la violenza, condannata dal presidente Ashraf Ghani in una nota. Sia i talebani, sia lo Stato islamico, hanno condotto violenti e devastanti attacchi a Kabul nei mesi recenti, ma i talebani hanno negato il proprio coinvolgimento.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata