Afghanistan, centinaia manifestano a Kabul contro frodi elettorali

Kabul (Afghanistan), 21 giu. (LaPresse/AP) - In Afghanistan centinaia di persone hanno dato vita a una protesta a Kabul contro presunte frodi nel ballottaggio delle elezioni presidenziali che si è tenuto la scorsa settimana, provocando la chiusura della strada dell'aeroporto. L'ex ministro degli Esteri Abdullah Abdullah, che ha sfidato al ballottaggio l'ex ministro delle Finanze del Paese Ashraf Ghani Ahmadzai, ha accusato i funzionari elettorali e altre persone di cercare di manipolare il voto del 14 giugno contro di lui. Abdullah questa settimana ha annunciato di aver tagliato i legami con la Commissione indipendente elettorale, e che rifiuterà di riconoscere qualsiasi risultato che diffonderà.

Abdullah ha anche suggerito che l'Onu intervenga, un'idea sostenuta dal presidente in carica Hamid Karzai. Secondo la tempistica ufficiale della Commissione i risultati iniziali dovrebbero essere pubblicati il prossimo 2 luglio. Circa mille sostenitori di Abdulah si sono riuniti a Kabul per protestare contro la commissione elettorale, accusandola di frodi e cantando: "Il nostro voto è il nostro sangue e lotteremo per esso". Centinaia di poliziotti antisommossa hanno circondato la dimostrazione, che è stata pacifica. "Ci siamo riuniti oggi per protestare contro la commissione elettorale, che non è assolutamente indipendente. Stanno effettuando frodi per un candidato specifico", ha detto il manifestante Mohammed Ghani Sharifi, 23 anni.

"Le persone sono così turbate e non possono tollerare queste frodi, perché hanno corso dei rischi per votare". In una dimostrazione separata, centinaia di sostenitori di Abdullah hanno camminato dalla parte settentrionale della capitale verso l'aeroporto, dove sono stati fermati da un posto di blocco della polizia per impedire a chiunque di entrare o uscire dall'aeroporto internazionale di Kabul. "La nostra protesta non riguarda chi diventerà il leader del Paese, ma le frodi. Non dovrebbero avvenire imbrogli per nessun candidato", ha detto il manifestante Mohammed Essa, 23 anni, che ha preso parte alla dimostrazione. Anche quest'ultima è stata pacifica. "Si tratta solo dell'inizio delle nostre proteste", ha aggiunto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata