Aereo disperso, perlustrati senza esito 305mila kmq Oceano indiano

Kuala Lumpur (Malesia), 19 mar. (LaPresse/AP) - Aerei di Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti hanno perlustrato oggi senza esito un'area di Oceano indiano vasta 305mila chilometri quadrati, alla ricerca del volo MH370 scomparso l'8 marzo mentre volava da Kuala Lumpur a Pechino. Lo fa sapere l'Autorità per la sicurezza marittima australiana. La zona in cui sono state condotte le ricerche si trova circa 2.600 chilometri a sudovest di Perth, sulla costa occidentale dell'Australia. Anche alle navi mercantili è stato chiesto di prestare attenzione a eventuali tracce del volo Malaysia Airlines, scomparso con 239 persone a bordo. Nelle ricerche sono impegnate squadre di 26 Paesi. Gli investigatori hanno identificato due giganteschi archi per identificare le aree in cui il velivolo potrebbe aver concluso il suo volo, dopo aver volato per circa sette ore dopo il decollo. Il radar dell'esercito della Malesia ha rilevato l'aereo per la prima volta nelle estremità settentrionali dello Stretto di Malacca alle 2.14 ora locale dell'8 marzo, cioè oltre un'ora dopo la partenza da Kuala Lumpur. È l'ultima posizione confermata. Un segnale fu poi inviato dal velivolo al satellite alle 8.11, suggerendo che in quel momento l'aereo si trovasse in un qualunque punto dell'arco che va dal Kazakistan all'Oceano indiano a ovest dell'Australia.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata