Aereo disperso, nessun legame con oggetti portati a riva da Oceano

Canberra (Australia), 24 apr. (LaPresse/AP) - Il materiale portato dalle correnti oceaniche sulle coste occidentali dell'Australia non proviene dall'aereo di Malaysia Airlines scomparso l'8 marzo. Lo fa sapere l'ufficio per la sicurezza dei trasporti del Paese, che ha analizzato le fotografie degli oggetti posatisi sulle rive vicino ad Augusta. Già ieri Martin Dolan, capo dell'ufficio, aveva detto che una analisi iniziale del materiale faceva pensare non ci fosse un nesso tra i materiali e il Boeing 777 sparito mentre volava da Kuala Lumpur a Pechino con 239 persone a bordo.

Intanto, il centro che coordina le ricerche fa sapere che il robot sottomarino Bluefin 21 ha perlutrasto più del 90% dei 310 chilometri quadrati individuati nell'Oceano indiano, in cerca del relitto dell'aereo e delle scatole nere, ma non ha trovato nulla. La zona è stata definita in un raggio di 20 chilometri da dove l'8 aprile era stato rilevato un segnale compatibile con quelli emessi dalle scatole nere. Da allora, le batterie dei dispositivi si sono certamente esaurite. Australia, Malesia, Cina e Stati Uniti si stanno consultando sulla prossima fase delle ricerche.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata