A Washington i funerali di McCain: con Obama, Bush e senza Trump
Il senatore sarà sepolto domenica con onori militari dopo un servizio privato alla cappella dell'Accademia navale Usa ad Annapolis, in Maryland

Due ex presidenti di provenienza politica opposta, il democratico Barack Obama e il repubblicano George W. Bush, hanno reso omaggio al senatore americano John McCain, morto lo scorso 26 agosto a 81 anni per un tumore al cervello. E i funerali alla cattedrale di Washington per l'eroe di guerra sono stati anche l'occasione per opporsi alla politica delle divisioni tossiche dell'attuale inquilino della Casa Bianca, Donald Trump. Il magnate era assente, come aveva chiesto il senatore ai familiari prima di morire: tra lui e McCain non è mai corso buon sangue, e Trump in passato non ha risparmiato pesanti commenti nei suoi confronti. C'erano invece la figlia e consigliera, Ivanka Trump, e il marito, Jared Kushner. Mentre milioni di persone si sintonizzavano su tv e dirette online per assistere alla cerimonia, il tycoon andava a giocare in uno dei suoi campi da golf in Virginia e twittava su tutt'altro.

Bush e Obama sono saliti sul podio per orazioni funebri con cui ricordare il politico, dopo che avevano parlato la figlia Meghan McCain e l'ex segretario di Stato 95enne Henry Kissinger. La figlia, conduttrice di Abc, ha lanciato un'aperta frecciata a Trump:  "L'America di John McCain non ha bisogno che le sia restituita grandezza, perché è sempre stata grande", sarcastica allusione allo slogan di campagna elettorale del tycoon 'Rendiamo l'America grande di nuovo'. Bush e Obama hanno entrambi elogiato McCain per averli resi "presidenti" migliori. Il primo lo ha battuto nelle primarie Gop del 2000, il secondo lo ha sfidato e sconfitto alle presidenziali del 2008. Obama lo ha descritto come "un uomo straordinario", "un guerriero, uno statista, un patriota" che ha "incarnato il meglio dell'America", e ha aggiunto: "Ci ha resi presidenti migliori, così come ha reso migliore il Senato e ha reso migliore il Paese". Poco prima, Bush aveva detto: "Mi ha reso migliore".

I due ex inquilini della Casa Bianca hanno unito la voce in un chiaro messaggio: la politica americana può e dovrebbe alzarsi a un livello più alto, con l'esempio di McCain. Era conservatore, "ma capiva che alcuni principi trascendono la politica e alcuni valori trascendono il partito", ha detto Obama. "Il nostro discorso - ha aggiunto - può sembrare piccolo e meschino e futile, trafficando in magniloquenza e insulti", questa è "una politica che finge di esser coraggiosa e dura, ma in realtà nasce dalla paura. John chiedeva di essere più grandi di così". Tra i presenti alla cerimonia c'erano anche l'ex presidente Bill Clinton e la ex segretaria di Stato e moglie, Hillary Clinton, gli ex vice presidenti Al Gore e Dick Cheney, gli ex segretari di Stato Madeline Albright e John Kerry, il segretario alla Difesa Jim Mattis, il chief of staff della Casa Bianca John Kelly, l'icona di Hollywood Warren Betty. McCain sarà sepolto domenica con una cerimonia privata all'Accademia navale di Annapolis, in Maryland.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata