"Vivere o morire?": 16enne malese suicida dopo un sondaggio su Instagram
"Vivere o morire?": 16enne malese suicida dopo un sondaggio su Instagram

La ragazza aveva interpellato i suoi follower: il 69% ha scelto per la morte. La polizia ha aperto un'inchiesta "per evitare altri abusi sul social media"

Un'adolescente ha lanciato un sondaggio su Instagram per chiedere ai suoi follower se dovesse vivere o morire: la maggioranza ha scelto la morte e la 16enne si è suicidata. È successo in Malesia, dove la ragazzina di Kuching si è "immediatamente" uccisa dopo aver condotto il sondaggio sul social media, lunedì, ha spiegato la polizia. "Molto importante, aiutatemi a scegliere tra D/L", ha scritto la giovane sul suo account, secondo i media locali, usando le iniziali delle parole morte e vita in inglese (death e life). Il 69% dei suoi follower ha votato per la morte, il 31% per la vita. Numerose le reazioni e le polemiche, con l'avvio di un'inchiesta "per evitare altri abusi sul social media in circostanze future simili". 

Il caso ha ricordato quello di Molly Russell, adolescente britannica che si suicidò nel 2017 a 14 anni dopo aver visto contenuti su autolesionismo e suicidio su Instagram. La sua morte aveva suscitato un ampio dibattito sull'uso delle reti social da parte di bambini e sul controllo dei contenuti. A febbraio Instagram, che vietava già tutte le pubblicazioni che incoraggino o promuovano il suicidio o l'automutilazione, ha deciso di vietare le fotografie che mostrano ferite autoinflitte.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata