'Richieste respinte': Erdogan lascia commemorazione Muhammad Ali
Dall'ufficio della presidenza turca non sono state date spiegazioni in merito alla decisione

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha interrotto la sua visita negli Stati Uniti e per questo non parteciperà al secondo giorno di commemorazioni in onore dell'ex pugile campione del mondo dei pesi masssimi Muhammad Ali, morto venerdì 3 giugno all'età di 74 anni. Lo ha annunciato l'ufficio della presidenza turca in un comunicato, senza dare alcuna spiegazione sulla decisione di Erdogan. Secondo la nota, Erdogan ha lasciato gli Stati Uniti ieri sera dopo una cena con cui ha interrotto il digiuno previsto dal mese santo del Ramadan.

Secondo l'emittente Cnn Turk, il presidente avrebbe voluto lasciare un pezzo di stoffa sulla bara di Ali e aveva chiesto che il capo della direzione degli affari religiosi turca recitasse un passo del Corano, ma le sue richieste sarebbero state respinte. Un funzionario della presidenza ha negato tale ipotesi, affermando che, avendo partecipato al funerale di ieri e visitato il Muhammad Ali Center, Erdogan ha deciso di non trattenersi oltre perché "aveva completato il suo servizio religioso".

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata