I familiari del 46enne afroamericano alla marcia di Minneapolis un anno dopo la morte del fratello

(LaPresse) Durante la marcia per ricordare George Floyd, ucciso il 25 maggio del 2020 da un agente di polizia condannato per omicidio e omicidio colposo, ha parlato Bridgett Floyd. “Martedì sarà un anno. È stato un lungo anno. È stato un anno doloroso – ha detto la sorella – È stato molto frustrante per me e la mia famiglia cambiare le nostre vite in un batter d’occhio”. “Quando diciamo che abbiamo giustizia per George, abbiamo anche ottenuto giustizia per le famiglie che nessuno ha visto, che sono rimaste dietro le quinte. Casi che sono stati spazzati via”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata