L'accusa è di aver violato i termini della libertà vigilata, mentre era in cura in Germania

(LaPresse) – L’oppositore russo Alexei Navalny è stato condannato a 3 anni e mezzo di carcere. L’accusa è di aver violato i termini della libertà vigilata, mentre era in cura in Germania dopo essere stato avvelenato con l’agente nervino Novichock.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata