Il 37enne era stato fermato per aver lanciato bottiglie e casse di bevande

Un cittadino italiano di 37 anni è morto nella notte tra sabato e domenica mentre era in custodia della polizia di Dresda, in Germania. Lo ha reso noto la procura, che esclude cause di morte naturali. Per chiarire le regioni del decesso è stata aperta un'indagine. Secondo la ricostruzione della polizia, raccolta dalle cronache locali, gli agenti avevano risposto a una richiesta di intervento recandosi in un 'Beach bar' nel quartiere di Mickten, su Leipziger Strasse, per la presenza di una persona descritta come violenta. Alcuni dipendenti hanno raccontato che il 37enne, poi deceduto, aveva lanciato bottiglie e casse di bevande. Per questo sarebbe stato bloccato dai dipendenti del locale fino all'arrivo della pattuglia. Portato negli uffici della direzione di polizia, avrebbe perso conoscenza. A quel punto sarebbe stato rianimato dai poliziotti i soccorritori chiamati sul posto e infine portato in ospedale, dove però è deceduto nella notte.“Non è una morte naturale, per questo stiamo indagando", ha dichiarato il procuratore generale della Repubblica Lorenz Haase all'agenzia dpa, precisando che verrà condotta un'autopsia i cui risultati dovrebbero arrivare martedì. Per Haase, l'uomo sarebbe stato "sotto influenza di alcol o droghe". Intanto "la Farnesina segue da vicino il caso del connazionale deceduto a Dresda in stretto raccordo con l'ambasciata a Berlino, che a tal fine si mantiene in contatto con le competenti autorità tedesche", si apprende da fonti della Farnesina stessa. Dovrà essere chiarito se l'uomo, che a quanto si apprende viveva a Dresda, abbia aggredito gli agenti o se i funzionari abbiano usato violenza contro di lui. Il procuratore ha riferito che al momento non è in grado di dire nulla in merito: ci vorrà ancora del tempo per accertare la verità.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata