Sono riusciti a uscire grazie alla mediazione della Chiesa cattolica, gli studenti del Nicaragua che erano rifugiati da venerdì nella chiesa della Divina misericordia di Managua per sfuggire all'attacco delle forze pro-governative e che dalle stesse erano assediati. Al momento dell'offensiva dei filogovernativi i giovani stavano manifestando contro il presidente Daniel Ortega chiedendone le dimissioni. Nell'attacco condotto dagli uomini armati filogovernativi contro la chiesa sono morti due giovani, secondo quanto ha riferito il cardinale Leopoldo Brenes. «Chiediamo a Dio di accompagnarci. Salveremo i ragazzi», ha dichiarato il nunzio apostolico Stanislaw Waldemar Sommertag, scortando le auto che trasportavano i giovani liberati dalla chiesa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata