A Cuba finisce l'era dei Castro, presidenti dell'isola dal 1976. Dopo Fidel anche Raul ha deciso di non ricandidarsi, cedendo i poteri al delfino Miguel Diaz-Canel. Ovazione in Parlamento ieri per il 57enne, nato dopo la rivoluzione, con l'abbraccio tra Raul e il suo successore a coronare una giornata storica. L'investitura ufficiale è attesa oggi quando sarà reso noto l'esito del voto espresso dai 605 parlamentari dell'Avana. Il fratello del Lider maximo non esce di scena, perché rimarrà al vertice del Partito comunista fino al 2021.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata