I filippini salutano i Jeepney, gli sgargianti minibus usati come taxi, simbolo nazionale del Paese. O almeno, il modello tradizionale poco sicuro e inquinante. Il governo ha deciso che entro il 2020 tutti i 180mila jeepney circolanti verranno sostituiti con mezzi elettrici nuovi ed ecologici. La corsa si potrà pagare solo elettronicamente e viaggiare sul retro non sarà più possibile per motivi di sicurezza. Alcune aziende di trasporto protestano per l'elevato costo dei moderni jeepney (almeno 30mila dollari, con gli autisti di quelli tradizionali che guadagnano circa 20 dollari al giorno), motivo per cui giudicano il progetto "anti-poveri".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata