Erano quasi 400mila i dipendenti pubblici scesi nelle piazze di 90 province francesi per protestare contro il congelamento dei salari e la riduzione di 120mila posti di lavoro in cinque anni previsti dalla nuova riforma del lavoro del presidente Emmanuel Macron. La mobilitazione, avvenuta per tutta la giornata di martedì 10 ottobre, ha coinvolto scuole, ospedali e addetti ai trasporti, mentre il sindacato generale francese ha indetto per il 19 ottobre una nuova protesta contro le politiche sociali ed economiche intraprese dal governo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata