Messa per l'ennesima volta sotto accusa dopo la strage di Las Vegas, la lobby delle armi americana, la National Rifle Association, apre a nuove misure sui fucili modificati. La NRA si è espressa a favore di maggiori restrizioni sul possesso di dispositivi che permettono di trasformare fucili semiautomatici in mitragliatori in grado di sparare centinaia di colpi al minuto. Il meccanismo è lo stesso utilizzato dal killer Stephen Paddock. Alcuni osservatori hanno fatto notare come quello della NRA sia in realtà un tentativo per distogliere l'attenzione dal fatto che negli Usa ci sarebbero 40 milioni di armi in più rispetto al numero di cittadini, secondo un'inchiesta del Washington Post di due anni fa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata