(LaPresse) Autisti di Uber, impiegati della gig economy e sindacati hanno marciato per le strade di Londra chiedendo il riconoscimento dei diritti fondamentali sul lavoro e la regolarizzazione dei contratti. La manifestazione, a cui hanno partecipato circa 200 persone, è avvenuta una settimana dopo la decisione del tribunale di Londra di ritirare la licenza all’app di trasporto automobilistico.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata