Sette mesi fa, il piccolo Ayman Khalil Yunism, disegnava la bandiera nera degli jihadisti dello Stato Islamico: la vedeva ogni giorno nella sua città, Mosul. Ora disegna la sua casa, dovedesidera tornare: si trova ora con altri bimbi nel campo sfollati di Jalil Hasan Shami, dopo la fuga con la sua famiglia dalll'assedio a Mosul, roccaforte principale del gruppo radicale dal 2014. Insieme ad altri bambini, attraverso il disegno, ritrovano l'innocenza perduta.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata