La verità dopo ore di caos all'aeroporto Cointrin della città svizzera

È stata una donna che voleva impedire al marito di imbarcarsi su un aereo a Ginevra a fare scattare il falso allarme bomba all'aeroporto Cointrin della città svizzera. Lo riferiscono i procuratori, dopo ore di sicurezza innalzata nella zona dello scalo, che hanno provocato il caos nell'area, nei pressi del confine tra Svizzera e Francia.

"Ieri sera una donna ha chiamato la dogana svizzera all'aeroporto di Ginevra. Ha detto che oggi una persona con una bomba sarebbe stata nel settore francese dell'aeroporto", ha fatto sapere l'ufficio del procuratore di Ginevra. La polizia è risalita al luogo da cui proveniva la chiamata e la donna ha ammesso di essere stata autrice della telefonata.

Fonte Reuters – Traduzione LaPresse

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata