Roma, 9 gen. (LaPresse) – “I tre marinai italiani rapiti in Nigeria sono liberi. Torneranno presto a casa”. A darne annuncio è stato il ministro degli Esteri Giulio Terzi, nelle prime ore di questa mattina. I tre, che erano stati rapiti il 23 dicembre a bordo del riomorchiatore Asso 21, diretto a Port Harcourt, rientreranno a Roma già nel pomeriggio. La liberazione, sottolinea il ministro il una nota, “è un successo degli uomini e delle donne della Farnesina e di tutti i funzionari delle strutture dello Stato coinvolte che con la loro tenacia e professionalità hanno reso possibile l’esito positivo di questa difficile vicenda”.

Terzi, che in queste settimane si è tenuto in contatto con il collega nigeriano per la gestione del caso, ha voluto poi esprimere gratitudine alle “autorità nigeriane che in queste settimane – afferma – ci hanno sempre assicurato la massima collaborazione”. Il sostegno della autorità nigeriane, ha spiegato il ministro intervistato dal Tg5, “è stato determinante”, così come “la collaborazione con il ministro degli Esteri Olugbenga Ashiru” che Terzi ha detto di sperare di incontrare a Roma a inizio febbraio. La Farnesina fa sapere che sono trenta i connazionali sequestrati all’estero che in questi mesi sono stati riportati a casa.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata