Zurich, si dimette presidente Ackermann dopo suicidio cfo

Ginevra (Svizzera), 29 ago. (LaPresse/AP) - Si è dimesso il presidente di Zurich Insurance, Josef Ackermann, dopo il suicidio del cfo del gruppo, Pierre Wauthier. Ackermann, svizzero ed ex ceo di Deutsche Bank, la più grande banca tedesca, ha spiegato in una nota di voler lasciare perché ritiene che le accuse contro di lui della famiglia di Wauthier, non divulgate, possano danneggiare Zurich, una società che occupa circa 60mila dipendenti in oltre 170 Paesi. All'indomani della morte del direttore finanziario, la polizia elvetica aveva spiegato che si era apparentemente trattato di un suicidio. Wauthier è stato trovato senza vita nella sua casa presso il lungolago di Zug, una zona per ricchi appena fuori Zurigo. "L'inaspettata morte di Pierre Wauthier - ha scritto Ackermann - mi ha profondamente sconvolto. Ho motivo di credere che la famiglia sia del parere che dovrei prendermi la mia parte di responsabilità, anche se infondato, come qualsiasi altra accusa". "Per evitare qualsiasi danno alla reputazione di Zurich - ha aggiunto - ho deciso di dimettermi da tutte le mie funzioni con effetto immediato". Il mandato di Ackermann, 65 anni, è stato affidato al suo vice, l'olandese 67enne Tom de Swaan. La morte di Wauthier è arrivata solo cinque settimane dopo il suicidio del 49enne Carsten Schloter, che era chief executive di Swisscom.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata