Vertice in Cina, Xi: Nuova via Seta inclusiva, no al protezionismo
Sono 29 i leader nazionali che partecipano al Belt and Road Forum

Il presidente della Cina, Xi Jinping, ha invitato le principali istitutizioni ad aderire alla sua nuova iniziativa per la nuova via della Seta, sottolineando l'importanza di rigettare il protezionismo per la crescita mondiale. "Dobbiamo migliorare il coordinamento delle politiche e rifiutare le pratiche della 'politica del rubamazzo'", ovvero che portano benefici solo al Paese che le adotta, ha detto Xi ai 29 leader nazionali che partecipano al Belt and Road Forum per la nuova via del commercio via terra e via mare. Il presidente cinese, seduto accanto al suo omologo russo Vladimir Putin, ha parlato in un centro congressi a nord di Pechino. "Questa è una lezione importante che può essere tratto dalla crisi finanziaria globale ed è ancora molto rilevante per lo sviluppo dell'economia mondiale di oggi", ha aggiunto Xi.

"Dobbiamo ottenere risultati vincenti attraverso maggiore apertura e cooperazione, evitare frammentazione, astenerci dal fissare limiti inibitori per la cooperazione o dal perseguire accordi esclusivi, e respingere il protezionismo", ha dichiarato ancora il presidente cinese, evidenziando che l'iniziativa della nuova via della Seta è aperta a tutti. "In un mondo di crescenti interdipendenza e sfide, nessun Paese può affrontare le sfide, tra cui i grandi problemi del mondo, da solo", ha dichiarato Xi. Tra i leader dei 29 Paesi presenti ci sono il primo ministro italiano, Paolo Gentiloni, il presidente filippino, Rodrigo Duterte, e i leader di Onu, Fmi e Banca Mondiale.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata